Notizie dalla Campania - Unisapori

Vai ai contenuti

Lo stato dell'arte del settore Olivicolo in Campania

Unisapori
Pubblicato da in Agroalimentare · 25 Gennaio 2018
L'olio d'oliva IGP Campania si presenta al grande pubblico
Una bottiglia per una Regione, la Campiania che può e vuole fare numeri nel settore olivicolo-olearia, presentandosi al mercato sotto l'unico ombrello dell'IGP. Un work in progress che si potrebbe concludere entro la fine del 2017
Con un convegno tenutosi presso lo stand SOL&Agrifood di Vinitaly 2017, il Comitato Promotore ha presentato il progetto di Identificazione Geografica Protetta (IGP) per l’olio extra vergine di oliva Campania, progetto che vede accomunati le principali categorie rappresentative del settore olivicolo campano ed i più importanti confezionatori della regione, con il convinto appoggio della Regione Campania.
- Perchè la Campania ha bisogno di un'IGP per l'olio extra vergine di oliva?
Le Dop già presenti e attive sono una risorsa importante per il territorio ma purtroppo non riescono a sviluppare volumi necessari per affrontare i mercati esteri. Il sistema delle indicazione geografiche campane non potrebbe soddisfare una richiesta di qualche container di olio certificato. Speriamo con l'IGP di ovviare a questo problema.
- L'IGP è dunque in concorrenza con le DOP?
Assolutamente no, anzi. Speriamo che penetrando importanti mercati esteri con il nome Campania, poi vi sia spazio anche per le Colline Salernitane, Cilento, Colline dell'Ufita, Penisola Sorrentina e Terre Aurunche.
- A che punto sono i lavori per l'IGP Campania?
A buon punto direi. Stiamo perfezionando il disciplinare di produzione e completando i dossier, in particolare quello storico.



Nessun commento

Torna ai contenuti